La bandiera Sarda

La bandiera Sarda

La bandiera è composta dalla Croce di San Giorgio e da quattro teste di Moro bendate, rappresentanti i quattro re saraceni sconfitti dagli aragonesi durante la battaglia di Alcoraz avvenuta in Spagna. In Sardo si dice “Bandera de is cuattru Mores”, ed è storicamente legata alla bandiera dell’Aragona e alla bandiera Testa Mora, della vicina isola della Corsica. La bandiera deriverebbe dalla Vittoria di Alcoraz del 1096, sarebbe legata alla Corona d’Aragona, e rappresenterebbe la riconquista spagnola contro i Mori che occupavano buona parte della penisola Iberica, infatti è composta dalla croce di San Giorgio, simbolo pure dei crociati che combattevano gli stessi mori in Terra Santa, e le quattro teste mozzate rappresentavano quattro importanti vittorie conseguite dagli aragonesi in Spagna, rispettivamente la riconquista di Saragozza, Valensia, Murcia e le Baleari. I quattro mori divennero comunque, fin dalla sua fondazione, il simbolo del Regno della Sardegna e Corsica, con la Bandiera Corsa risalente alla stessa...
La messa più grande al mondo

La messa più grande al mondo

Le autorità delle filippine parlano di 7 milioni di presenze durante la messa nel parco di Manila, nonostante la pioggia è stata la messa più seguita di sempre. Papa Francesco ha parlato di bambini, della povertà e la corruzione che va combattuta, degli abusi vanno denunciati e non nascosti, la difesa della natura, le parole significativi come “bisogna accettarsi tutti” , sono stati di grande conforto a...
Corso Avanzato di Arrampicata Libera

Corso Avanzato di Arrampicata Libera

 Parte 11° Corso Avanzato di Arrampicata Libara in Ogliastra . Il corso è aperto a tutti gli iscritti CAI di qualsiasi sezione italiana in possesso di un livello minimo di arrampicata di 5c da capocordata.     Il corso si svolgerà in cinque giornate intensive con lezioni teoriche e uscite pratiche su vie di più tiri, felesie e boulder. Per gli alievi provenienti da fuori Sardegna verrà assicurato materiale e spostamenti, senza bisogno di affittare auto. La base del corso è prevista a Jerzu, con arrampicate sulle vie di-più tiri dell’Aguglia di Goloritzè e Pedra Longa (Baunei). Il corso è diretto da Maurizio Oviglia (INAL) e lo staff è composto da istruttori nazionali di grande esperienza provenienti da tutta Italia. Programma del Corso: Giovedi 2 Aprile: Falesia a Jerzu Venerdi 3 Aprile: Via Lunga a Baunei, Pedra Longa/Giradili o vicinanze Sabato 4 Aprile: Falesia Ulassai Domenica 5 Aprile: Via lunga Cala Goloritzè (Aguglia o vicinanze) Lunedi 6 Aprile: Boulder al Bosco di Selene, Lanusei Il costo del Corso è fissato in 280 Euro, escluso vito e alloggio....
Carnevale in sardegna

Carnevale in sardegna

L’inizio del carnevale in Sardegna parte solitamente tra il 16 e 17 gennaio con la festa più antica dell’isola che è Fuoco di Sant’Antonio, e si conclude il mercoledì delle ceneri.  La legenda narra che Sant’Antonio rubò dagli inferi una scintilla e la donò alla terra, per dare luce e calore agli umani.La legna per fare il fuoco viene raccolta una settimana prima della festa, si prepara il Falò che viene benedetto dal parroco. Da tradizione le maschere ballano, cantano , si beve il buon vino e si mangiano i dolci per onorare il Santo, il fuoco però ha anche la sua tradizione, cioè si fanno 3 giri in senso orario e tre giri in senso antiorario per sciogliere un voto e chiedere la grazia.   La Sardegna è varia come ogni suo paese, cosi anche come sono vari le tradizioni di ogni paese per il carnevale. Il più conosciuto è il carnevale di Mamoiada, famoso per le sue maschere di Mamuthone, fatte di legno color scuro, vestiti in pelle, sulla schiena portano tanti campanacci che scuotendo fanno sentire il loro arrivo in tutto il paese. Durante la processione i Mamuthones vengono guidati dagli Issohadores, quest’ultimi  sono uomini vestiti con il corpetto rosso e la maschera bianca, un copricapo “Sa Berrita” e i pantaloni bianchi. La tradizione vuole che Issohadores con dei lacci catturano le giovani donne in segno di buon auspicio per una buona salute e fertilità. Un tempo venivano catturati anche i proprietari terrieri per aurare loro una buona annata, per sdebitarsi dell’onore ricevuto, portavano tutto il gruppo a casa loro e offrivano vino e dolci.        ...
Formaggio sardo “Casu Marzu”

Formaggio sardo “Casu Marzu”

Casu Marzu è un formaggio sardo, possiamo anche dire unico al mondo, viene citato anche nel libro dei Record 2009. Si tratta di formaggio pecorino o caprino che viene colonizzato dalla mosca casearia, la quale deposita le uova sopra nel formaggi, poi nascono le larve che si cibano direttamente dalla forma del formaggio sviluppandosi al suo interno, dopo la schiusa le larve trasformano con i loro enzimi la pasta casearia del pecorino in una morbida crema. Il periodo di maturazione dura da tre a sei mesi e il periodo di produzione è dall’inizio primavera fino a autunno inoltrato. Nel Unione Europea non è consentita la produzione ed è proibita dalla legge la commercializzazione, perché in contrasto con le norme igieniche e sanitarie. Per poter salvaguardare questo prodotto la regione Sardegna lo ha inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali Italiani.   Di questo formaggio unico nel suo genere ne parla anche Andrew Zimmern nel suo programma “Bizarre...

Pin It on Pinterest